Da alcuni anni l’Amministrazione Corsaro si sta prodigando, affrontando non poche difficoltà, per soddisfare uno dei fabbisogni più importanti della società sangregorese che è in continua crescita: l’ampliamento del cimitero. Il cimitero di San Gregorio, infatti, è saturo e i loculi a disposizione non bastano.

«Nella cittadina sangregorese – ha sottolineato il primo cittadino, Carmelo Corsaroogni anno si verificano circa ottanta decessi e lavorare sempre in emergenza sta diventando un grave problema. Il nuovo progetto dovrebbe, a questo punto, porre fine alla criticità, di sicuro per un decennio».

Per questo motivo la Giunta si è riunita per deliberare l’acquisizione di un progetto che prevede un significativo ampliamento del cimitero di San Gregorio.
Con delibera n. 83 dell’11 agosto, la Giunta ha approvato la proposta di finanza di progetto per l’ampliamento del cimitero comunale fatta da Me.Ga.Res Srl e Gis Design Srl.

La Giunta ha preso atto del progetto contenente la costruzione di 842 loculi per un importo di 2.866.800,00 euro tutto a carico della società che si aggiudicherà la gara d’appalto. Per il Comune sangregorese non vi è alcun impegno di spesa e le società proponenti, Megares e Gis Design, con le modifiche apportate al precedente progetto, hanno favorito gli utenti con una riduzione unitaria dei costi per manufatti (loculi) e dei servizi, nonché una maggiore offerta in linea con i fabbisogni previsti.

«Non si poteva più rimandare – ha detto l’assessore all’Edilizia cimiteriale, Salvo Cambria -, dovevamo agire nella massima urgenza e mettere in atto un intervento che permetterà di “tamponare” la situazione del cimitero per i prossimi anni. Dico tamponare perché guardando al futuro bisognerebbe mettere mano in maniera ancora più decisa al cimitero. L’urgenza è nata dal fatto che bisogna evitare ulteriori requisizioni di loculi già dati in concessione per le inumazioni. Abbiamo provveduto – ha continuato Cambria – ad installare i nuovi loculi provvisori che ci permettono di risolvere l’annoso problema della carenza loculi».

La realizzazione dei lavori non dovrebbe causare disagi ai cittadini perché la zona interessata dalla nuova struttura è una porzione terminale del cimitero.
«Ciò sarà possibile – ha spiegato l’assessore Cambria – grazie alla presenza di due cancelli carrabili laterali, che permetteranno l’accesso dei mezzi di lavoro con più facilità lungo la via Gelatusi senza interessare il cancello d’ingresso centrale. Ringrazio il sindaco – ha concluso – per aver dimostrato la sua fattività nei confronti dei cittadini».