Un 47enne di Aci Bonaccorsi è stato arrestato dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Acireale, con il supporto dei colleghi del Nucleo Radiomobile e della Stazione di Aci S. Antonio, in quanto responsabile di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio (cocaina) e resistenza a pubblico ufficiale. Nella tarda serata i militari avevano predisposto, nei punti nodali di Aci Bonaccorsi, alcuni posti di controllo; in uno di questi, una pattuglia posta sulla via per Aci Bonaccorsi aveva imposto l’alt al conducente di una Fiat Panda, il quale all’inizio ha dato l’impressione di fermarsi, ma subito dopo ha pigiato il piede sull’acceleratore fuggendo verso Valverde.

Subito ha avuto inizio l’inseguimento, con grave pericolo per i pedoni e veicoli in transito, da parte dei militari collaborati dagli altri equipaggi, in zona per lo stesso servizio, che si è concluso in via Delle Ginestre a Valverde, con l’uomo che ha lanciato dal finestrino del passeggero un involucro, nel tentativo di sbarazzarsene. I militari, dopo averlo fermato, lo hanno perquisito ed anche recuperato la busta che l’uomo aveva lanciato dal finestrino, contenente 220 grammi di purissima cocaina in pietra. I militari hanno anche perquisito l’abitazione dell’uomo bonaccorsese e nel garage hanno rinvenuto la somma di 910 euro ritenuta provento dello spaccio, il materiale che è servito per il confezionamento delle singole dosi ed anche 155 confezioni di farmaci dopanti per uso umano il cui utilizzo, forse, era destinato per uso veterinario. L’uomo è stato posto agli arresti domiciliari in attesa della celebrazione del rito direttissimo.

(articolo scritto in collaborazione con Salvo Re)