Dopo un’annata lunghissima, il verdetto più atteso è arrivato: la vincitrice del campionato di Eccellenza girone B è il Giarre che torna in Serie D dopo ben quattordici anni sconfiggendo 3-2 il rivale di tutta la stagione ovvero il Siracusa.

Una finale bella, giocata sul neutro dell’Esseneto ad Agrigento, in cui il Giarre parte con l’handicap: infatti all’11’ Siracusa in vantaggio grazie alla punizione dal limite di Catania. Un piazzato beffardo dove sbaglia la barriera che si apre e il portiere Barbagallo che non riesce a porre rimedio venendo sorpreso.

La squadra di Gaspare Cacciola però reagisce immediatamente pareggiando con il solito Savasta, uno dei trascinatori nel corso dei playoff, bravo a battere con un tiro chirurgico Busà.

Fatta eccezione per il gol subito, i giarresi giocano meglio rispetto agli avversari mantenendo il pallino del gioco e sfiorando anche il vantaggio con Agudiak, fermato solo dalla sfortuna quando il suo mancino colpisce l’incrocio dei pali.

E’ il preludio al gol perché una straordinaria azione di Baglione consente ai suoi di portarsi avanti nel punteggio. Il centrocampista infatti parte dalla sinistra, si accentra e calcia benissimo a giro col destro gonfiando la rete.

Il Siracusa è sotto però in attacco è sempre molto pericoloso tanto che al secondo tentativo verso la porta va davvero vicino al pari ma Flores, sotto porta, spedisce il pallone alto.

Nella ripresa, la squadra di Giovanni Ignoffo non riesce ad impensierire la retroguardia avversaria e prova quindi il tutto per tutto sbilanciandosi alla ricerca del gol che varrebbe i tempi supplementari ma all’84’ una zampata di Agudiak sentenzia Busà per il 3-1.

Non è finita però perché, su sviluppo di un calcio di punizione, arriva il gol che riapre i giochi dell’ex Abate. Un tentativo di rimonta che non va a buon fine per il Siracusa dato che il Giarre riesce a portare fino in fondo il risultato conquistandosi la tanto attesa e anelata Serie D.

Poule B. La finale CarlentiniVirtus Ispica se la aggiudica l’Ispica battendo 4-2 gli avversari. Partita finita 1-1 al termine dei regolamentari in virtù dei gol di Quarto al 23′ e Drago all’89’. Nei supplementari ci pensano Rodriguez, Toscano e Bellavita a chiudere i conti. Di Carbonaro la rete che serve solo a fissare il punteggio sul definitivo 4-2.

Ispica che dunque vince la Poule B e si aggiudica il bonus economico stanziato dalla Lnd Sicilia.