Presto inizieranno i lavori allo stadio “Aci e Galatea” di riqualificazione dell’impianto di Acireale con la sistemazione della pista di atletica. Sono stati appaltati gli interventi citati, ancora in maniera provvisoria, aspettando di disporre di tutte le certificazioni previste dalle normative. Un milione e 900mila euro circa l’importo complessivo del progetto, nell’ambito del programma pluriennale della iniziativa “Sport e Periferie“.

A partecipare alla gara, sul portale della pubblica amministrazione, sono state 83 imprese provenienti da tutto lo stivale, attratte dalla convenienza dell’importo. Cinque imprese sono state escluse non avendo prodotto qualche aspetto previsto nel bando. Appalto che è stato assegnato, sulla base delle offerte, ad una impresa di Barcellona Pozzo di Gotto, al secondo posto un gruppo di imprese temporaneo avente come capofila una ditta di Palermo. Il ribasso è stato pari a 26,928 millesimi che fa abbassare il totale a 1 milione e 139 mila euro per i lavori comprendenti quasi 38mila euro per gli oneri per la sicurezza nel cantiere da predisporre.

Il progetto, redatto in uno studio di Avezzano, in scaletta prevede: la rigenerazione del manto erboso del campo di calcio, la riqualificazione degli spogliatoi, il miglioramento della efficienza energetica e abbattimento delle barriere architettoniche e la predisposizione della pista di atletica, da tempo inutilizzabile. Toccherà alla FIDAL (Federazione italiana di atletica leggera) omologare il lavoro di rifacimento della pista, così da poter ospitare manifestazioni di caratura nazionale ed internazionale, grazie alle otto corsie e a un fondo di ultima generazione.

(articolo scritto in collaborazione con Salvo Re)