Un altro caso di violenza in famiglia stavolta ad Adrano dove un uomo stava picchiando e insultando la moglie davanti ai propri figli. Fondamentale l’intervento proprio di uno dei figli che ha telefonato alla polizia informandola della percosse in corso.

Le forze dell’ordine si sono recate immediatamente sul luogo e hanno arrestato in flagranza di reato il 35enne, accusato di maltrattamenti aggravati e lesioni personali. I poliziotti hanno poi condotto al commissariato la donna chiedendole come si fossero svolti i fatti. La donna ha raccontato di come fosse succube del marito da molto tempo (già prima del matrimonio) venendo picchiata durante la gravidanza oltre che insultata. In più ha aggiunto di come l’uomo avesse iniziato a picchiare il figlio maggiorenne e anche l’animale domestico della famiglia.

Il 35enne, con alle spalle un passato di tossicodipendenza, è stato, come detto, arrestato dagli agenti del commissariato di polizia di Adrano e portato al carcere di piazza Lanza e dovrà rispondere all’autorità giudiziaria dei reati di maltrattamenti, aggravati dal fatto di essere stati commessi in presenza di minori e di lesioni personali.