Grande impresa dell’Aci Sant’Antonio sul campo dell’Igea, continua spedita la marcia di Giarre e Siracusa mentre stupisce ancora la super Jonica. Questo e altro nel punto sull’undicesima giornata del girone B di Eccellenza.

Partiamo dal match più incredibile ovvero il pareggio al “D’Alcontres” per 2-2 tra Igea e Aci Sant’Antonio. Santantonesi che si presentano con assenze pesanti come quelle di Sardo in difesa ed Orofino a centrocampo e, dopo soli quattro minuti, si ritrovano in dieci per il rosso diretto comminato al portiere Cirnigliaro per fallo su Biondo. Nella circostanza l’estremo difensore è costretto ad uscire in barella per la brutta botta presa. Sembra il preludio di una domenica di inferno per la squadra di Alfio Torrisi specialmente quando i padroni di casa passano in vantaggio con Carrello. Il portierino classe 2002 Sciuto tiene in partita l’Aci che poi reagisce e con il solito Giannaula pareggia dal dischetto.

Nella ripresa, gli ospiti concedono poco e niente agli avversari e passano incredibilmente in vantaggio ancora con un penalty del capocannoniere del torneo Giannaula. Ma, poco dopo, anche il secondo portiere Sciuto viene espulso per fallo al limite dell’area su Biondo. In nove e senza più portieri, va tra i pali il difensore Salvucci. L’Igea attacca ma produce occasioni solo da piazzato fino a quando, a sette dal termine, Biondo pareggia i conti su calcio di rigore. Un pareggio finale che ha mostrato la grande forza mentale della squadra santantonese al cospetto di una delle favorite al salto di categoria.

Riprende il cammino vincente il Giarre rifilando uno 0-3 all’Acicatena nel più classico dei testa-coda. Non una partita così semplice per la capolista che ci mette un’ora a sbloccare il punteggio grazie a Famà, entrato dalla panchina. Poi Agudiak e un gioiello ancora di Famà chiudono la contesa. Un’altra dimostrazione di come il Giarre abbia una rosa di alto livello che permette al tecnico Cacciola di cambiare il volto della partita con i subentranti.

A meno quattro dalla vetta, c’è il Siracusa: la squadra di Ignoffo batte 4-1 il Palazzolo in virtù del gol dell’ex Palmisano, pareggio momentaneo di Diallo su rigore, ancora Palmisano riporta avanti i suoi che pongono poi fine alle ostilità con Abate e Melluzzo. Siracusa che affronterà mercoledì l’Atletico Catania (che ha riposato in questa giornata come Ragusa e Carlentini) nel recupero della sesta giornata.

Continua a stupire la Jonica che sconfigge a domicilio l’Enna 3-1. Padroni di casa che passerebbero in vantaggio con Navarrete ma la rete viene annullata per fuorigioco, considerato attivo dal guardalinee, di un compagno davanti al portiere Romano. Jonica che poi annichilisce gli avversari chiudendo il primo tempo sullo 0-3 con le segnature di Ortiz (rigore), Esposito e Torres. La rete di Navarrete nella ripresa serve solo a fissare il punteggio sull’1-3. Messinesi che agguantano così al terzo posto l’Igea.

Chiude il programma dell’undicesima giornata, la roboante vittoria per 5-1 della Virtus Ispica contro il Mascalucia San Pio X. Protagonista assoluto della partita Achaval che mette a ferro e fuoco la difesa avversaria realizzando una tripletta, accorcia le distanze Valenti dagli undici metri ma Drago e Tiralongo spengono ogni tentativo di possibile rimonta.

Il programma della dodicesima giornata

Mascalucia San Pio X – Atletico Catania

Aci Sant’Antonio – Ragusa

Carlentini – Igea

Giarre – Enna

Palazzolo – Acicatena

Riposano: Siracusa, Jonica, Virtus Ispica