In virtù dell’emergenza rifiuti, si sta pensando di usare la discarica Oikos di Misterbianco per poter aiutare il sistema della raccolta. Contraria a questa ipotesi è la deputata regionale del M5s, Jose Marano che ha dichiarato: “Misterbianco e Motta non sono la pattumiera della Regione. I cittadini di questi Comuni non sono cittadini di serie B sui quali scaricare veleni, olezzo, devastazioni ambientali e adesso il peso di un’emergenza creata dalla incompetenza e inconcludenza del governo Musumeci.

La situazione è evidentemente chiara: vista l’attuale emergenza rifiuti, con la saturazione di diversi impianti, la Regione vuole ricorrere alla discarica Oikos di Misterbianco per abbancare i rifiuti di mezza Sicilia. Così nonostante le tante denunce, inchieste giudiziarie e promesse di revisione dell’iter autorizzativo dell’agosto 2019, i comuni dell’hinterland catanese continueranno a ricevere i rifiuti da miriadi di Comuni siciliani!

Una situazione oramai diventata insostenibile – conclude la deputata – in barba a tutte le regole e con disprezzo anche agli stessi decreti di concessione, perché chi ha verificato che il milione circa di tonnellate rifiuti autorizzato non sia stato già raggiunto, considerate le quantità di rifiuti ordinari abbancati e quelli straordinari delle emergenze degli scorsi anni? E ancora, i lavori di sicurezza richiesti dalla Regione serviranno ad ampliare la portata dei rifiuti da abbancare?”.

Un pensiero su “Misterbianco, la discarica Oikos e la Regione”

I commenti sono chiusi.