Un altro turno di campionato è passato fra conferme, rimonte e sorprese. Il Giarre mantiene la vetta, frena il Siracusa mentre l’Igea è travolgente. Di seguito il punto sulla nona giornata del girone B di Eccellenza.

Non lascia scampo all’Atletico Catania, il Giarre che vince e convince col punteggio di 0-3. Capolista che ha controllato il match avendo solo qualche difficoltà a sbloccare l’incontro rischiando solo sull’occasione di Siclari sulla quale Barbagallo ha risposto presente. Ospiti in vantaggio con la rete di Baglione, raddoppio di Cacciola e tris firmato da Agudiak. Sul punteggio di 0-2 da segnalare il rigore parato da Barbagallo a Fabio Calì.

La squadra di Cacciola allunga in classifica dato che il Siracusa si ferma dopo due vittorie consecutive. A bloccare sul pari i siracusani è l’Enna. La formazione di Ignoffo disputa un primo tempo praticamente perfetto, grazie anche all’intuizione del tecnico di giocare senza un vero punto di riferimento in avanti schierando Catania come falso centravanti, con l’unico rammarico di chiudere solo 1-0 grazie al gol di Grasso. Nella ripresa, è ancora Grasso a raddoppiare e a confermare così il suo ottimo periodo di forma (quarto gol nelle ultime tre partite); poi una fantastica rete di Russo riapre i giochi ad un quarto d’ora dalla fine. E’ il preludio all’incredibile pareggio timbrato dal rigore (contestato), che porta al doppio giallo di Puzzo, di Navarrete per il 2-2 finale.

Siracusa che scivola così a meno quattro dal primo posto e mercoledì, nel turno infrasettimanale, affronterà il Giarre in un duello che si preannuncia spettacolare.

Al terzo posto c’è l’Igea che liquida con un netto 4-0 il Mascalucia San Pio X. Di Assenzio (subito in avvio), Biondo (doppietta) e Carrello le marcature. Igea che riposerà mercoledì per poi incontrare fra le mura amiche il temibile Aci Sant’Antonio.

Proprio l’Aci Sant’Antonio non va oltre l’1-1 al Megarello di Augusta contro il Carlentini in quella che è stata una vera e propria battaglia. All’iniziale (dubbio) rigore segnato da Scapellato, risponde un bellissimo diagonale del capocannoniere Giannaula che, qualche minuto prima, aveva sbagliato un penalty. La partita è stata condizionata dal forte vento e dal tutt’altro che perfetto terreno di gioco. Tanti episodi arbitrali che hanno scontentato entrambe le squadre e ne hanno fatto le spese Carbonaro e Quarto per il Carlentini e Orofino e Sardo per i santantonesi tutti espulsi per doppia ammonizione. Aci che ha più rimpianti per il pari finale vista la gran parata, allo scadere, di Sanfilippo sul colpo di testa di Spampinato.

Alle spalle del duo Aci Sant’Antonio-Carlentini, si porta la Jonica che, in un colpo solo, scavalca in graduatoria Atletico Catania ed Enna in virtù della vittoria per 1-0 sul campo dell’Acicatena. A decidere l’incontro ci pensa il debuttante Giorgetti. Giorgetti che non è stato l’unico debuttante perché ha esordito fra i pali anche il classe 2004 Bartolotta, schierato dal tecnico Filoramo al posto di Romano sospeso dalla società per motivi disciplinari (sputo a Giannaula nella partita precedente).

Conclude la nona giornata, la vittoria in rimonta del Palazzolo sul campo dell’Ispica. Al gol dei padroni di casa di Drago, rispondono Coria e Diallo.

Il programma della decima giornata

Mascalucia San Pio X – Ragusa
Enna – Acicatena
Giarre 1946 – Siracusa
Jonica F. C. – Carlentini
Palazzolo – Atletico Catania

Riposano: Igea, Aci Sant’Antonio, Virtus Ispica