Il pomeriggio in casa Catania comincia con un extra-campo intorno alle 16:30 con l’intitolazione della tribuna stampa dello stadio Angelo Massimino a Stefania Sberna, alla presenza delle due figlie Federica e Giulia, del marito Salvo La Spina, il Sindaco e la dirigenza del Calcio Catania. Le parole del Sindaco Pogliese, scoprendo la targa sono rivolte alla speaker “Stefania rimanga sempre con il suo Catania la sua voce eternamente echeggerà in questo stadio.”

Passando invece al campo, il Catania ha schierato un 4-4-2, modulo non sempre congruo alla formazione etnea, mentre la Casertana si è disposta con un 4-3-3. Padroni di casa che non hanno potuto contare su Sarao, Di Piazza, Russotto, che ha rimediato una contusione in allenamento, e Piccolo con ancora con pochi minuti nelle gambe. Nonostante queste importanti assenze, Baldini ha ricevuto risposte importanti da Golfo, apparso in ottima forma e Silvestri, oggi vice capitano, alla seconda da titolare dopo l’infortunio.
Insomma una prestazione molto positiva che lascia ben sperare i tifosi rossazzurri per il futuro specialmente in ottica play-off.

La cronaca

Gli etnei subito in partita dal primo minuto con una bella azione di Golfo, traversone di prima per Calapai che non trova la rete per un soffio. Al 5′ un’altra giocata di Golfo che si ritrova quasi ad un passo dal suo primo goal in maglia rossazzurra.

Subito dopo, la prima azione degli ospiti su punizione ma tuttavia, la difesa del Catania non si intimorisce. Nuova imbucata della Casertana, ma ancora nulla da fare per gli ospiti.

Un buon Catania in questo avvio di gioco ed al 10′ Calapai trova la porta, ma in realtà è un autorete di Avello. Ottima punizione di Dall’Oglio che tira direttamente in porta dai venticinque metri. Cartellino giallo per Welbeck in seguito allo scontro con Inzillo che è costretto a lasciare il campo in barella al 20 minuto, la Casertana costretta al cambio forzato con Matese.

La Casertana riesce a fatica a contenere le azioni del Catania ma non riesce ad avere lucidità nella gestione della gara. Al minuto 34 un diagonale di Reginaldo trafigge Avella con una maestria unica. Ancora Catania, con una punizione dal limite conquistata da Maldonato e cartellino giallo per Matese, Dall’Oglio e Golfo sul pallone che vola alto sulla traversa. Il Catania gestisce benissimo il possesso palla, ed una Casertana attenta che tuttavia non riesce a trovare la quadra di gioco anche in funzione delle due reti di vantaggio della squadra etnea. Nel recupero, cartellino giallo per Giosa che non seguirà la squadra a Foggia nel prossimo impegno domenicale. Alla fine del primo tempo il Catania va riposo con due reti di vantaggio frutto di una prestazione fino a qui ricca di qualità e intensità.

Nella ripresa gli ospiti provano ad impensierire il Catania ma ancora nulla di fatto. Sono sempre i rossazzurri a creare pericoli: punizione dal limite di Maldonado, procurata da Golfo, destro a giro che prende il palo e Izco non riesce a sfruttare il rimpallo.
Grande ricerca delle giocate anche individuali del Catania a differenza di una Casertana che non è sicuramente nella sua giornata migliore.

Etnei che cercano di mantenere un giusto equilibrio, anche in funzione dei due goal di vantaggio, puntando sull’ottimo fraseggio di Maldonado e Reginaldo, e sullo scatenato di Golfo.
Il terzo goal nasce dal tiro dalla bandierina di Dall’Oglio colpo di testa imperioso di Giosa e palla in rete.
Catania ancora in attacco con Manneh e Dell’Oglio alla ricerca del poker contro una Casertana che ha ormai mollato la presa.

Partita dominata dalla squadra di Baldini che è sembrata decisamente convincente e coinvolgente ottenendo tre punti preziosi che la avvicinano al Bari, sconfitto dalla Turris, e scacciano la sconfitta contro il Catanzaro. Domenica prossima i rossazzurri affronteranno l’ultimo match di campionato in casa del Foggia.

Il tabellino di Catania – Casertana 3-0

Catania: Martinez, Calapai, Silvestri, Giosa, Pinto (84′ Zanchi), Izco (65′ Rosaia), Maldonado, Welbeck (84′ Vrikkis), Dall’Oglio, Reginaldo (76′ Manneh), Golfo (76′ Albertini). A disposizione: Santurro, Borrello, Sales, Claiton, Volpe, Piccolo. All. Baldini.

Casertana: Avella, Hadziosmanovic, Ciriello (69′ Buschiazzo), Carillo, Del Grosso (76′ Rillo), Izzillo (20′ Matese), Bordin (69′ Santoro), Icardi, Longo, Castaldo (76′ Varesanovic), Cupone. A disposizione: Zivkovic, Polito, De Vico, De Lucia, De Sarlo, Longo, Turchetta, Rosso. All. Guidi.

Arbitro: Nicolò Marini di Trieste
Reti: 10′ aut. Avella, 35′ Reginaldo, 75′ Giosa

(articolo scritto in collaborazione con Santina Sorbello)