Situazione complicata ad Aci Catena per ciò che riguarda il sistema idrico: se da una parte moltissimi cittadini protestano per l’elevato e sproporzionato, rispetto all’effettivo consumo, costo delle bollette dell’acqua (c’è chi ha addirittura ricevuto bollette di mille euro), dall’altra parte il Comune catenoto lamenta l’eccessiva morosità dell’ultimo triennio affermando che il sistema tributario è quasi al collasso.

A tal proposito, attraverso un comunicato stampa, il sindaco Nello Oliveri, gli assessori Chiara Milazzo e Andrea Licciardello, rispettivamente con delega ai Tributi e all’Acquedotto dichiarano: “Dalle verifiche incrociate, effettuate in queste settimane dal settore Tributi, risultano numerose utenze non in regola con i pagamenti dovuti, talune anche fino a tre anni. 

La situazione è allarmante e rischia di fare collassare tutto il sistema dei tributi comunali, pertanto si invitano i suddetti morosi a regolarizzare celermente la loro situazione debitoria, altrimenti saremo costretti al distacco delle utenze in oggetto”.

Una vicenda davvero intricata che va a sovrapporsi, come detto in precedenza, alle proteste dei cittadini per il costo delle bollette che reclamano una revisione del costo dell’acqua a metro cubo per le fasce di consumo medio-alto.

Un pensiero su “Aci Catena, lo spinoso caso delle bollette dell’acqua”

I commenti sono chiusi.