Un Acireale cinico, solido, unito, bello, gioca forse la migliore partita fuori casa, sbanca lo Stadio “Orazio Raiti” di Biancavilla, ed incamera tre punti con autorevolezza, oltre quelli conquistati nella vittoriosa trasferta di Cittanonova, che danno certezza, sicurezza e caparbietà ai ragazzi di mister De Sanzo.

Una squadra, quella granata, che ha condotto la partita quasi per intero, mettendo in campo grinta, cattiveria calcistica, occhi vispi, come veri leoni granata, fame di punti esterni. Bravo è stato mister De Sanzo che, al suo arrivo sulla panchina granata, ha lavorato principalmente sull’aspetto mentale e, da quello che si è visto nelle ultime gare, pare esserci riuscito. E bravi anche i ragazzi granata, soprattutto gli ultimi innesti, che ben si sono inseriti nel gruppo: tutti hanno saputo reagire e trovare autostima, superando i momenti difficili creatisi.

Parte bene l’Acireale e al 10′ De Felice conclude fuori. Un minuto dopo ci prova Khoris, ma senza velleità. 12′ Aprile, uno dei tanti ex tra le fila del Biancavilla, conclude di poco fuori. Al 22′ è bravo Maimone, nei sinistro, ad impegnare Ruggiero che devia in angolo. Al 36′ gol annullato a Tumminelli per fuorigioco. Un minuto dopo, giunge il meritato vantaggio dell’Acireale con il giovane La Vardera, che supera un avversario e realizza. Seconda realizzazione consecutiva personale. Al 45′ ci prova capitan Savanarola, ma la palla sfiora la traversa.
Dopo due minuti di recupero, finisce il primo tempo.

Il Biancavilla, dopo tre minuti di gioco impatta con il difensore Porcaro, su calcio d’angolo. Un gol che sicuramente avrebbe stordito chiunque altra squadra, ma non l’Acireale di oggi che, riannoda il filo della concentrazione e riparte alla ricerca del nuovo vantaggio. Al 52′ Ruggiero in uscita perde la sfera, ma Khoris non inquadra la porta. Al 58′ giunge puntuale la rete, come un orologio svizzero, dopo dieci minuti, con il guerriero della difesa granata Viscomi che trafigge Amata, con un forte tiro in spaccata, su punizione battuta da Cozza.

Non paga del vantaggio, la squadra acese trova anche il terzo gol, al 65′, con l’ottimo Pozzebon, alla sua seconda rete personale consecutiva con un siluro, su punizione battuta da Cozza, mette la sfera nel sette di Amata. Il Biancavilla cerca la via del gol e all’ 89′ protesta per un contatto in area tra Tumminelli e Catania. Ma per l’arbitro è tutto ok. I granata sono bravi a non subire gol e ad uscire vittoriosi dal campo con pieno merito.

Il tabellino di Biancavilla-Acireale

Biancavilla: Amata; Aprile(61′ Viglianisi), Ferrante(76′ Lucarelli), Rabbeni(61′ Catania), Leonardi, Maimone, Porcaro, Santapaola, Mollica, Ancione, Koris.
A disposizione: Genovese, Guerriera, Mazzeo, Randis, Barcio, Lo Iacono. All. Orazio Pidatella.

Acireale: Ruggiero(78′ Mazzini), La Vardera D., Buffa(46′ Joao Pedro), Strumbo, Savanarola, Pozzebon, De Felice(78′ Iania), Viscomi, Cozza, Raia(42′ De Pace),Tumminelli.
A disposizione: Ba, La Vardera C., Mauceri, Celentano, Ndiaye. All. Fabio De Sanzo.

Arbitro: Francesco Burlando di Genova

Reti: 37′ La Vardera D., 48′ Porcaro, 58′ Viscomi, 65′ Pozzebon

(articolo scritto in collaborazione con Salvo Re)