Emozioni pure allo Sporting Center, che fosse una sfida da ben altri palcoscenici era chiaro alla vigilia. Centro Sicilia Gupe Volley Catania e Pharmap Palermo non hanno deluso le aspettative, regalando alta pallavolo nella gara valida per la 7^giornata del campionato di Serie B maschile, chiusasi sul 2-3. A spuntarla sono stati gli ospiti, superando gli etnei solo al quinto set non senza difficoltà. Gupe rimane sempre saldamente al vertice del girone L2 a quota 19, Palermo sale a 14 al secondo posto mentre Pozzallo è a 11. Minuto di silenzio in onore di Vittorio Maccarrone, scomparso in settimana.

La gara vede subito mostrare il vigore ospite, che ha il merito di approcciare meglio il match, mettendo alle corde Petrone e compagni. Atria (12 punti in tabellino) in invidiabile stato di forma, sforna ace e vincenti. Palermo che stupisce non solo in attacco quanto per la strenua difesa, elementi che consentono di portarsi avanti di un set (12-25).

Centro Sicilia Gupe Volley Catania cambia nettamente marcia nel secondo parziale. Il primo tempo di Belluomo e l’acuto di uno Scuderi ispirato guidano la riscossa etnea, ma è di Turlà, con una possente schiacciata, l’acuto più importante del set. Il forcing etneo produce i suoi frutti ed è di marca Gupe (25-16).

Il terzo set disputato allo Sporting Center è degno di categorie superiori. Alle fiammate di Saitta e Turlà, entrambi 13 punti a referto (quest’ultimo in foto durante una schiacchiata), rispondono i vincenti di Gruessner e del capitano palermitano Blanco, a segno 13 volte. La Gupe vive comunque il miglior momento della gara e chiude la pratica nuovamente con il punteggio di 25-16.

Quarta ripresa dai due volti per Gupe Volley. Emblematico il punto del 4-1, con i padroni di casa che stoppano per ben quattro volte l’offensiva ospite, allungando sul +5. Pharmap che non si arrende e riesce a rimontare. Blanco chiama, Petrone risponde con un appoggio dolcissimo. La gara diventa ben presto un “punto a punto” emozionante, macchiato dalle discutibili decisioni arbitrali sul finale. Palermo la spunta e porta (21-25).

Il tie break è giocato senza esclusione di colpi. Gupe regge l’urto sino al 6-6, poi l’organizzazione palermitana prevale, ma allo Sporting Center fioccano comunque applausi e per i padroni di casa matura comunque un prezioso punto.

Il commento di coach Fabrizio Petrone dopo la sfida: “Dispiace perché eravamo riusciti a portare a nostro favore la partita. È un peccato perché ci siamo fatti distrarre da alcuni eventi, Palermo è squadra esperta e ha sfruttato le occasioni. “Io sono sempre stato tranquillo, anche dopo l’inizio certamente non ideale. Sappiamo giocare una pallavolo di buon livello, questa sera è mancato solo il risultato ma abbiamo preso ancor più coscienza della nostra forza. Palermo è una squadra costruita per vincere il campionato, noi no per cui reputo siano più loro a doversi porre domande che noi” Si tratta della prima sconfitta della Gupe Volley in campionato dopo una striscia di sei successi consecutivi. Prossimo sabato, esattamente il 13 marzo, è in programma il derby contro Volley Catania.

Il Tabellino di  Gupe-Palermo 2-3 (12-25, 25-16, 25-16, 21-25, 11-15)

Centro Sicilia Gupe Volley Catania: Saitta 13, Turlà 13, Scuderi F. 8, Calabrese 9, Petrone (K) 7, Belluomo 5, Fassari 1, Mirabella, Gambino, Romano, Scuderi R., De Costa (L), Magrì (L2)
All: F. Petrone.
Pharmap Palermo: Gruessner 10, Blanco (K) 13, Banaouas 4, Lombardo 13, Atria 12, Costanzo 4, Ferro G., Libertà, Bonanno, Laudicina 4, Russo, Sutera (L), Runfola (L2) N.E
All: N. Ferro.