Vince e compie un importante passo salvezza la Hc in A2, per l’Aetna attesa prolungata per il ritorno in A2.

Handball Club. Prova maiuscola e un successo al Pala Parisi di Ragusa contro il Keyey Pallamano Ragusa per 26 a 29. I ragazzi di mister Mineo non replicano l’inizio shock del precedente incontro casalingo contro l’Alcamo, anche se la prima frazione non è sicuramente all’altezza della squadra, con qualche errore dai 6 metri e un’azione offensiva non molto incisiva. A imporre il proprio gioco nei primi 30 minuti è invece il Ragusa, che buca per ben 16 volte la difesa avversaria e chiude il primo tempo in vantaggio con il punteggio fermo al 16-13. Cambio di marcia nel secondo tempo per il Mascalucia, con Dario Consoli, autore di un ottima prestazione, che annulla l’ottimo Russello della prima frazione, oltre che segnare goal fondamentali per pareggiare i conti. Il Mascalucia è abile poi ad allungare di ben 5 punti il distacco facendo fronte a una gestione non proprio ottimale dei direttori di gara, che hanno costretto più e più volte la formazione catanese a giocare in inferiorità numerica. Il Ragusa sfrutta l’occasione e con un parziale di 3-0 accorcia le distanze, con una buona replica dell’Hc, abile a non subire il colpo e i tanti due minuti inflitti ai giocatori migliori della formazione rossoazzurra. Il match si conclude dunque con il risultato di 26 a 29, con l’ottimo Miguel Pradas Murcia migliore in campo, autore di una prova superba e interventi da vero fuoriclasse.

A tessere le lodi del portiere di nazionalità spagnola il presidente Pagano, soddisfatto del risultato ma ancor più della grande prova in campo esterno: “Tutti i ragazzi hanno disputato un grande match, reagendo non solo allo svantaggio del primo tempo ma anche alle sviste arbitrali che hanno danneggiato entrambe le formazioni. Nonostante  la grande prova di tutta la squadra non si può non elogiare Miguel, che ha dato la svolta alla partita con delle importanti parate”.

Hc Mascalucia che dunque vola a 12 punti in classifica, a pari merito con i cugini del CUS Palermo e a + 4 dal Giovinetto. Ragusa che invece resta impantanato nella zona calda della classifica con 6 punti, a + 1 dall’Alcamo, penultimo e a + 3 dal Messina ultimo. Per il Mascalucia adesso 2 settimane di stop, prima del match contro la capolista Noci in programma al Palawagner alle ore 19 del 20 marzo.

Serie B. Rinviata la sfida contro lo Scicli dell’Aetna che si sarebbe dovuta disputare a Mascalucia.  22 punti e un traguardo del primo posto ormai ad un passo quando il calendario segna il -1 alla fine della stagione regolare, adesso -2 visto il recupero da effettuare in terra iblea: basterà vincerne una per certificare la grande annata della storica compagine etnea che dopo 5 anni è a un passo dal ritorno in un campionato nazionale (fu secondo posto dietro al Ragusa, all’epoca).

Il team manager Piero Pistone: “Ci siamo impegnati tutta la settimana per disputare questa gara per noi importante ed i ragazzi erano molto carichi e consapevoli che una vittoria avrebbe dato la matematica certezza del primato del campionato. Pazienza ci sono cose molto più importanti nella vita come la salute degli atleti. Adesso testa ad un’altra trasferta, quella di Avola, per un altro match point”. In foto D’Andrea, Delitala e Zappalà dell’Aetna durante l’ultima partita giocata e vinta a Rosolini.