L’ingegnere Eugenio Ciancio, Responsabile dell’Ufficio Tecnico Comunale, ha subito per la seconda volta in tre mesi dei danni alla sua automobile, nello specifico sono state lanciate delle pietre sul parabrezza.

Ciancio ha sporto immediatamente denuncia ai Carabinieri contro ignoti manifestando anche l’idea che possa trattarsi di un atto intimidatorio per l’incarico che svolge presso il Comune di Aci Sant’Antonio.

Solidale con lui, il sindaco santantonese Santo Caruso che ha dichiarato: “Esprimo chiaramente la mia solidarietà personale e ci tengo a far presente che l’Amministrazione Comunale è vicina all’ingegner Eugenio Ciancio.

Indubbiamente in questi ultimi due anni, cioè da quando l’ingegnere è con noi, è stata portata avanti in maniera puntale una importante mole di lavoro, e non è da escludere che questo possa aver fatto irritare qualcuno, sebbene non sia possibile identificare un possibile autore degli atti che condanniamo con fermezza.

È certo che se trovasse conferma l’ipotesi del danneggiamento volontario sarebbe plausibile affermare che si tratta di un’attestazione di merito: un buon lavoro votato alla trasparenza, nel rigoroso ordine della legalità, probabilmente non va giù a qualcuno con non ha dimestichezza con questi concetti”.